Categoria: Progetti

Il mio Giappone! (1-parte Kyoto – Osaka – Nara – Hiroshima)

steg in giapponeè passato ormai un pò di tempo dalla mia visita in Giappone ma solo oggi riesco a trovare il tempo di scrivere le mie gesta di 2 settimane stupende!
L’ho sognato così tanto! Ci ho sperato così tanto! Alla fine ce l’abbiamo fatta. Io ed Ago siamo riusciti ad andare in Giappone e vi posso dire che non solo tutte le mie aspettative sono state premiate  ma che l’astinenza diventa ogni giorno più forte!
Voglio tornare in Giappone!!!
Non sarà facile perchè comunque costa anche se partiamo dal presupposto che costa molto di più l’Italia! Ve lo posso assicurare! Costo di pranzi e cene hanno una media di 1200 yen, circa 10€, e se si vuole mangiare tanto 1800 Yen. Arriviamo a 4000 Yen quando si fanno le serata mangio e bevo fin che voglio! Allora continuano a portarti da mangiare e ordini da bere quello che vuoi!
Lo shinkasen effettivamente costa… ma per un treno che va super velocissimo ed è pulitissimo ecc… è come prendere il freccia rossa.

Noi siamo andati con un viaggio di Gruppo organizzato che ha i suoi pro ed i suoi contro! Organizzato significa che ti portano dove vogliono loro e con tempi serrati.  Tutte le escursioni extra si pagano a parte e chiaramente l’organizzazione del servizio influenza il costo totale del viaggio!
I pro sono che se avete la fortuna di beccare la nostra fantastica guida Madoka Chan potete davvero farle mille domande di ogni tipo! Non domande su musei e storia ma domande personali… sulla vita dei giapponesi! Sulla sua vita…cosa fa e perchè lo fa e come lo fa! Ho scoperto così il meccanismo dei mercatini delle pulci! Meccanismo che sarebbe da introdurre anche in Italia!
Quindi i Pro per un tour organizzato sono minimo sbattimento e massima resa. Di contro abbiamo due settimane serrate! La parte di Relax del Giappone non ce la siamo proprio gustata! I tempi serrati per vedere tutto non ci ha permesso di fermarci per qualche ora in un parco e prendere una barchetta con i remi, come si vede nei cartoni animati! ^^ heheh

Le figate assurde!?!?!
In Giappone sono Iper educati! Nessuno spintone e nessun pressing anche in prossimità di super incrodi come quello del Shibuya crossing. Le file giapponesi sono davvero code per lungo e non per largo. Certo se tergiversi nell’entrare in metro vieni educatamente superato ma devi esserti proprio imbambolato davanti alla porta! I sensi di marcia sono rispettati! Una parte della scala e per  salire ed una parte è per scendere! Guai a spostarsi! Vandalo incivile che vai contromano! Rispettando i sensi di marcia non ci sono intoppi di alcun tipo nemmeno nelle ore di punta! Se devi parlare con qualcuno non ti fermi in mezzo al passaggio! Vandalo incivile!

In Giappone nessuno ruba nulla!!! é assurdo! Si possono addirittura lasciare le borse sui tavoli per prendere il posto! In Italia forse trovi il tavolo al tuo ritorno, ma non è detto! ihihih^^
Immaginate di essere in un centro commerciale e decidere di mangiare in un ristorantino che ha i tavoli in galleria. Lasciate le borse sul tavolo per prendere posto ed entrate a prendervi da mangiare! In Giappone tornate e la vostra borsa è ancora li!!! Incredibile! La gente lascia ai tavoli di tutto! Borsine degli acquisti e giacche, senza terrore!
In metropolitana puoi girare con la borsa aperta! Nessuno infilerà una mano per estrarti il portafoglio! Io appena sentivo parlare una lingua che non fosse il giapponese immediatamente tornavo in modalità Milano ed chiudevo la borsa tenedola stretta con tutto l’avanbraccio! ^^ hihi

metropolitana giapponese

In Giappone quando entri in un negozio, in un  bar in un centro commerciale ecc… vieni accolto da un coro che dice all’unisono いらっしゃいませ (Irasshaimase)! O.o
E lo ripetono per ogni cliente!!! ^^ Noi occidentali che non siamo abituati non sappiamo come reagire a questo coro di benvenuto;  ti fa sentire speciale ed al centro dell’attenzione! Il coretto non ha alcun effetto sui giapponesi, chiaramente abituati, ed è come se non lo sentissero! Ma i commessi lo ripetono comunque anche se completamente ignorati!

In Giappone ti vesti come vuoi, anche nella maniera più assurda possibile, e nessuno ti guarda male! C’è gente vestita in ogni maniera; da quello più normale a quello più assurdo! Nessun sguardo Ilare o di scherno.
Così nel vestire ma anche nel comportamento. Sul binario facevamo gli stupidi e nessuno ci notava! ^^

In Giappone non si parla inglese! No no no! é più facile trovare chi parla italiano! Assurdo ma vero! Nemmeno a Tokyo è facile trovare camerieri o commessi che parlano in inglese! E se tu gli parli in inglese ti rispondono in giapponese^^ E quelle poche volte che ti rispondono in inglese non capisci! Rimarrà nella storia la frase:  EITO PIPO!!! Cioè: Eight people!

Curiosità culinarie!
Abbiamo potuto assaggiare i mitici taiyaki ed abbiamo scoperto che non sono tutti uguali! Esistono più varianti! Ad Osaka abbiamo mangiato un taiyaki stupendo fatto a mio avviso con una variante di pasta sfoglia! Una vera guduria! Eccezionale! Drogoso! Mentre poi a Tokyo ne abbiamo mangiato uno dalla ricetta tradizionale che non mi è piaciuto tantissimo, fatto con la pasta da pancake. Fortunatamente a Tokyo abbiamo trovato anche la variante in pasta sfoglia e ci ho dato sotto! Me ne sono presa uno con interno di marmellata di Azuki ed uno con la crema pasticcera! Suvvia! Infilato nel gelato!!! (foto)

taiyaki

Il ramen! Wau! Buonissimo! Un toccasana anche per la nausea. Alla stazione di Kyoto ci siamo fermati in un ristorante di ramen da non so quante varianti ed accostamenti. Io mi sono presa il ramen, non ricordo in quale variante, con abbianati i Mitarashi dango!

Ramen e Mitarashi dango
Al primo impatto sono talmente strani da sembrare nauseanti ma gia alla seconda pallina diventano drogosi e finisci le 12 palline alla velocità della luce.

ramen

Il sushi è servito in ristoranti dedicati al sushi mentre il sashimi viene servito anche in ristoranti più generici. Abbiamo notato che il sushi ha già il wasabi sotto la fettina di pesce! Per alcuni d noi non è stato piacevole ma per chi ama come me il wasabi va benissimo^^!
C’era anche il super sushi di Tonno della parte più grassa del tonno detta toro (in Giappone spesso chiamato anche o-toro) che chiaramente costava parecchio a pezzo! Non ricordo bene ma quasi 5 euro.
Tra le altre prelibatezze menzione d’onore Yakisoba e Okonomiyaki che ci siamo anche cucinati da soli in un locale apposito dove avevamo a disposizione piastre e spatole per saltare tutto in autonomia! (metterò la foto ora non ce l’ho a disposizione^^)
Invece non mi sono assolutamente piaciuti i  takoyaki in quanto sono ricoperti proprio alla fine di una serie di scaglie sottilissimi di una sostanza a base di pesce che gli da un odore un pò nauseante. Magari è colpa della spossatezza da viaggio, 12 ore di aereo in classe economica non sono facili, ma solo l’odore mi faceva venire nausea, ed io sono una persona che mangia di tutto e che le piace sperimentare culinariamente!
Tra i dolci oltre ai Teiyaki menzione d’onore ai mochi!

mochi
Ce ne sono di tutti i tipi! Quelli freschi e non quelli preconfezionati, sono eccezionali anche se possono o non possono piacere^^. Ipercalorici ma con tutto quello che si cammina in Giappone non c’è problema! Sono quasi tutti magri in giappone! Più o meno gambe magre anche se spesso si vedono ragazze con polpacci davvero grossi!
Al tempio D’oro di Kinkakuji abbiamo mangiato dei mochi al te verde freschissimi e buonissimi e…. thada dà dà… le arachidi al wasabi!!! Buonissime! Ci siamo fatti fuori un pacchetto in giro di 1 ora!!! Giusto perchè siamo stati parsimoniosi!

arachid al wasabi
Cibo da strada abbiamo mangiato pure i nikuman (ripieni di carne di manzo) e i butaman (con carne di maiale). Divertenti da mangiare ed altamente ustionevoli per il palato! Non il mio cibo preferito ma è stato bello provarli!

nikuman

Bella scoperta per il tofu dolce. Il tofu non sa di nulla, almeno a mio avviso, ma il tofu dolce che ci è stato servito in una ciotolina sottoforma di crema è delizioso!

TriplessoAbbandoniamo il cibo e torniamo a parlare di luoghi. Arrivo ad Osaka e trasferimento a Kyoto. A causa del super tifone che si è abbattuto proprio al nostro arrivo, non vi dico la discesa in aereo che incubo (pressione sotto i piedi e sudori freddi) , siamo stati costretti ad una toccata e fuga in un supermerkatino 24h ed un ritorno super rapido in ryokan. Almeno abbiamo fatto la conoscenza del supermerkatino giapponese 24 ore su 24. Quest’ultimi sono economici ed offrono di tutto, non immaginate cibo di qualità, ma un salvataggio per ogni emergenza. Dal fantastico triplesso, un beverone di caffè e latte, al microlattino a lunga conservazione fino ad ogni tipo di jogurtino e snack!
I Pocky, i mikadò giapponesi, li si possono trovare di diversi tipi pure alla fragola! Gusto un pò chimico ma divertenti da mangiare!^^ Con questo colore fosforescente ti fanno sentire nel futuro!

pocky-fragolalatte-japan

Birra e bevande, quaderni, riviste ecc.. c’è di tutto! Ed è un bene perchè in Giappone molti locali smettono di effettuare ordinazioni molto presto. Se ti attardi e non ordini prima delle 10 non ti servono più, la cucina chiude! Poi puoi stare all’interno del locale fino a tardì ma se hai sete di arrangi!^^ hihih
All’interno dei locali si può fumare liberamente. Ma non vi è puzza di fumo! Aspiratori all’avanguardia dappertutto! Puoi farti una super serata sdraiato attorno ad un tavolo con gli amici, nel nostro caso con il nostro super gruppo, a bere a ridere ed a fumare, nel nostro tour nessun fumatore assiduo se non la sottoscritta che però attualmente si è convertita alla sigaretta elettronica, come se si fosse a casa propria!
Com’è che finisco a parlare sempre di magiare e ristoranti?
Torniamo alla sistemazione. Chiaramente hotel e Ryokan dove ci si toglie le scarpe all’ingresso! Come tradizione culturale vuole!


Terzo giorno. Castello Nijojo. Freddo freddo! Chiaramente tempio che vai scarpe che ti devi togliere! Al castello abbiamo provato con piede il famoso “pavimenti dell’usignolo”! In pavimento cinguetta davvero e da bravi ninja abbiamo provato a non farlo suonare camminando con superpasso stealth assassin. (1 passo ogni 5 minuti scivolando). Cenno storico : Il castello Nijō è un complesso fortificato a Kyōto costruito per volere di Tokugawa Ieyasu, primo shōgun del periodo Edo. Simbolo del potere  fu residenza degli shōgun per quasi 270 anni. Ovviamente giardino curatissimo! Si parte alla volta del tempio d’oro Kinkakuji! Decisamente d’oro! Ma laccato! hihih^^ noooo… davvero Steg? ^^ esatto! Foglie d’oro puro. hihihi^^ Circondato da lussurregianti giardini zen e stagno a specchio! Nelle vicinanze mercatino e santuario!

tempio d'oro Kinkakuji

Abbiamo fatto la cerimonia con il tiro della corda e il battere delle mani di preghiera come nei migliori anime giapponesi e proseguito al famoso giardino zen Roanji ma prima ci siamo fermati a mangiare un boccone in un ristorantino tradizionale, dove ovviamente ci siamo tolti le scarpe, con giardinetto zen annesso e tavolini tradizionali che impongono la seduta in Seiza!!! La posizione seduta tradizionale faticosissima. Per le donne ginocchia strette e sedere sui talloni con punte dei piedi vicine o sovrapposte e per gli uomini a ginocchia larghe! Ci abbiamo provato!!! Tutti quanti!!! Ma ad un certo punto ci siamo tutti un pò stortati e accasciati su un fianco! Ripartiamo alla volta del giardino Zen ed anche qui ci siamo tolti le scarpine!^^ Costruito per i monaci, branca Zen del Buddhismo, è stato dichiarato, manco a dirlo, patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. Riprese le nostre scarpine dagli appositi scaffali siamo tornati nei pressi della nostra residenza.

Giro rapido e veloce al Tempio Higashi Hongan a Kyoto, che aimè è in ristrutturazione e stava pure chiudendo. Foto anche alla fontana del drago! ^^ hihih Drago Shenron!!! ^^ hihih
Ora…non ricordo se è stata in questa serata che abbiamo festeggiato a cena il nostro arrivo! mmm….

Quanto giorno visita al tempio Sanjusangendo famoso per le sue 1001 statue della dea Kannon! La statua di Senju-Kannon seduta in mezzo al padiglione, considerata patrimonio artistico nazionale ed alta più di 3 metri. Il tempio è buddista ed è stato costruito a normativa antisismica nel 1266! Chiaramente ci siamo tolti le scarpe anche qui e fatto man bassa di amuleti! ^^ Ne ho preso uno contro il mal di testa per mia sorella! Qua le scolaresche di bambini giapponesi educatissimi ci guardano e ci dicono, a noi fanciulle, che siamo bellissime! Proseguiamo al sito di Kiyomizudera (Kiyomizu-dera).

Kiyomizudera

La costruzione fu iniziata nel 798 ma l’edificio attuale fa parte della restaurazione ordinata da Tokugawa Iemitsu, e risale al 1633. Per la sua costruzione non è stato usato un singolo chiodo e chiaramente patrimonio dell’Unesco. Il nome deriva dalla cascata presente all’interno del complesso Kiyomizu che significa “acqua pulita” e li chiaramente si fa la cerimonia di purificazione! ^^

Kiyomizu
Tantissime scolaresche di bimbi tutti vestiti uguali con cappellini e divise gialle, azzurre, rosa! Infine passiamo al quartiere delle geishe e dello shopping di Gion. Una stada carina e super affollata dove vediamo pure passare una bella sposina in kimono! ^^
geishe e dello shopping di GionAttenzione ai prezzi! é un luogo turistico e dove un gelato al te verde costa tot in prossimità dell’ingresso al tempio, nella piazza per intenderci, man mano che scendi i prezzi scendono! hihihi^^ Ed attenti anche alle finte geishe, le turisti cinesi adorano travestirsi! O.o La nostra guida Giapponese ci indicava quelle vere e quelle finte! hihihi^^ Bellissime poi le turiste cinesi con i tacchi 15 che mettevano a dura prova le proprie caviglia, fatte di gomma ho visto caviglie piegarsi a 90°, sulla strada che ha una certa pendenza!!!
Proseguiamo in giro per Kyoto  tra viuzze e stradine.

Il quinto giorno tocca la visita a Nara!
Ci trasferiamo chiaramente in treno del quale non so dirvi il prezzo perchè ancora ci spostavamo con il Japan rail pass che da quel che ho capito costa sui 212 € per 7 giorni.
A Nara vediamo il super classico parco dei cervi sacri! Con tutte le scolaresche di bambini educatissimi in fila per 2 o 3 che si tengono per mano con i loro cappellini colorati! Un povero cervo rimane intrappolata con la testa in una ringhiera, speriamo che siano andati a liberarlo, tutti gli altri cervi erano in ansia per l’accaduto e rimanevano a fissare il povero mal capitato.  Andiamo a vedere il Grande Buddha Saibutsu ed all’ingresso le scolaresche ci lasciano di stucco. La maestra non fa in tempo a contare fino a 5 (chiaramente in giapponese) che i bambini si ammutoliscono! Super silenzio! Ma dai!?!?!? Davvero!?!?!? Forse il sistema educativo giapponese, forse è chiaramente ilare, è superiore al nostro! Bravi bambini! Sarebbe da adottarne uno gia educato!
Andiamo al Tempio Todaiji e fotografiamo l’inverosimile alla velocità della luce, tempi serratissimi, dobbiamo riprendere il treno! Compro il mio peluche cerbiattino per mia sorella e qualcosa da  mangiare! Fameeee!!! Tutto sto camminare mette appetito! Ho bisogno di energie! Proseguimento alla volta di Osaka, terza città del Giappone e visita al maestoso castello! Il castello è davvero molto bello e la quantità di corvi gracchianti che lottano per le “corna del tetto” è inquietante!

castello osaka

Alla fine finiamo a vedere il quartiere del divertimento di Namba che è stracolmo di ragazzi e ragazze e di locali! Le ragazze sembrano un pò fatte con lo stampino. Evidentemente seguono una moda del momento o una idol del momento perchè la maggior parte erano tutte con i capelli castano chiaro chiaro con boccolino alla fine, tacco 12 e sopracciglia finte lunghissime. Tralasciamo poi quelle con le lenti a contatto per ingigantire l’iride!

lenti extra large
In questa serata non stavo troppo bene! Cioè stavo bene mentre si andava in giro ma appena sentivo nell’aria odore di cibo mi veniva una nausea pazzesca. Ci fermiamo a mangiare in un posto recensito da tripadvisor dove avrebbero dovuto fare anche un mega gelato annesso di frutta, ememens, cioccolate ecc… Io ero iper contenta, perchè i dolci sono l’unica cosa che mi sentivo di mangiare! Aimè l’avevano finito! Tristezza assoluta e sconforto ma scelgo dal menù comunque il piatto meno saporito tra tutti! Un riso saltato con formaggio! Non aveva molto sapore  così non ha peggiorato la situazione. Rientro a Kyoto e pernottamento.

Apriamo una parentesi sui cuscini giapponesi! Ora io non so se è così per tutti gli hotel..ma sia nel ryokan che nell’hotel di Tokyo i cuscini erano o duri come mattonelle. Nel ryokan ci si infilava sotto il collo questo mattoncino che scimiottava un cuscino dormendo dritti in posizione da bara e ci si svegliava in posizione da bara (impossibile girarsi su un fianco) ed a Tokyo in hotel sembrava che il cuscino avesse dentro dei sassi! Mha! Chiusa la parentesi sui cuscini si riparte la mattina dopo alla volta del  Parco Memoriale della Pace di Hiroshima. A seguire traghetto per l’isola di Miyajima e visita al Santuario di Itsukushima. Hiroshima è bellissima! Tralasciando chiaramente la pesantezza storica del luogo la città è luminosa e pulita! Pausa pranzo al supermercatino. Gelatino alla fragola ed al te verde avvolto da una cialda e Banana! (si tende a mangiare poca frutta in Giappone). L’isola Miyajima merita una notte in hotel per gustarsi la serata sull’isola, aimè per noi era tutto di corsa quindi niente nottata! Foto foto foto della porta di Ootorii simbolo di Miyajima.

MiyajimaIl torii è costruito in legno di canfora e verniciato di color rosso! é alto 17 metri  e si erge solo grazie al proprio peso sulla sabbia! Non è solidamente fissato sul terreno! Miracolo! Ootorii simbolo di MiyajimaSempre sull’isola si trova Il santuario di Itsukushima che è un santuario shintoista! In giappone ci sono tantissimi tempi e santuari shintoisti e buddisti dove potrete trovare la vostra Kikyo Cioè la vostra sacerdotessa shintoista ^^ Bellissime! Tempio shintoista che vai kikyo che trovi!
Rientro a Kyoto e prepariamo le valigie! Super stanchi! L’indomani si riparte prestissimissimo alla volta di Tokyo!

Vi Presento Armida!!!

Ciao a tutti^^
Mi scuso per l’assenza… é un periodo incasinatissimo e mi raccapatto come posso T,T
Stò colorando una cifra, per lavoro, ma aimè come al solito nulla che io possa postare.
In compenso posso postare le illustrazioni di Harynos ed ecco che vi presento uno dei Personaggi di Harynos!!!^^
Ecco a voi… pappaparapapàààààààààà….. Armida e la sua compagna Mairym!

Ora non posso dirvi nulla..o almeno credo… Vi invito a leggere il libro se siete curiosi^^
ah!!! Approposito devo mettere gli altri capitoli sul sito!
…dopo provvedo…!!!

Intanto ricordo il sito www.harynos.it

Pc permettendo ovviamente perchè dovete sapere che strano ma vero (sono ironica ovviamente) da venerdì il mio pc da problemi. In pratica non posso stare su internet per molto tempo perchè mi si friiiiiiizzzzzaaaaaaaaa! Avrò tipo  un autonomia dai 15 ai 20 minuti…

La cosa assolutamente strana è il fatto che in sè invece il pc non ha problemi… cioè io posso stare ore e ore a lavorare sul pc senza alcun problema e fare anche conversazioni in skype e messenger tranquillamente ma se apro anche solo una finestra del browser (qualsiasi browser mi manca solo da testare con Crome) si blocca tutto.
Assolutamente inspiegabile questa cosa.

Needdo pesantemente una formattazione. T,T

Niente spero che l’illustrazione vi piaccia^^
Intanto un grosso bacione a tutti e alla prossimaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!

Benvenuti in Hàrynos

Buon giorno a tutti^^

Oggi vi mostro la copertina di Hàrynos. Cos’è Hàrynos?
Hàrynos è un romanzo di genere fantastico scritto da Demetrio Cristiano Priolo un amico mio e di Ago.

Quando Demetrio diede il manoscritto di Harynos ad Ago, da leggere per avere una sua opinione, ero piuttosto scettica ma quando vidi Ago realmente appassionato divenni un pò curiosa^^
Una volta che Ago finì di leggere Hàrynos fù il mio turno^^ Per i primi capitoli non rimasi particolarmente colpita ma arrivata al 4ò divenne veramente coinvolgente ed è per questo che oggi vi mostro la copertina del Primo libro^^ Disegnata da Ago e colorata da me.

Il libro ci è piaciuto così tanto che abbiamo deciso di aiutare Demetrio nel farlo conoscere al pubblico^^ (e subito gli abbiamo fatto la copertina).
Ormai conosciamo tutti il mercato dell’editoria e quindi come fare?  Autoplubblicarselo è ovvio!!!^^

Infatti Hàrynos è acquistabile Online tramite il Servizio di LULU.

Per avere maggiori informazioni su Hàrynos potete andare sul sito/blog.  www.harynos.it creato ovviamente dalla donnina tutto fare SteG^^ Mi sono anche occupata dell’impaginazione del libro ovviamente^^ quindi vi assicuro che è bello sennò non l’avrei fatto^^ hehehehhe

Il sito è ancora in sviluppo… infatti io e Ago stiamo preparando lo studio dei personaggi e le illustrazioni che presto verranno inserite nelle sezioni apposite^^ (speriamo presto sapete che non trovo nemmeno il tempo per respirare T,T) e quindi stiamo cercando di realizzare un bel progetto^^ ci sarà da divertirsi insomma^^.

Intanto posso solo dirvi che davvero il libro è molto molto bello e che, non parlo perchè è un amico, Demetrio meriterebbe davvero uno spazio nelle librerie.  Quindi andate sul sito e leggetevi il primo capitolo disponibile. Presto aggiungerò altri 3 capitoli così che si possa veramente capire che vale la pena comprarlo^^ Ora è disponibile solo su LULU ( servizio che ormai conosciamo bene) ma presto lo pubblicheremo anche su “ilmiolibro.it”

Spero di aver creato in voi un pò di curiosità^^

Niente filo a lavorare che oggi sarà una giornata di fuoco T,T ahaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!!

Ah…dimenticavo… spero che la copertina vi piaccia^^

Un grosso Bacione a tutti e che la forza sia con voi o giovani jedi.